rimedi-Cervicalgia-forli

Il termine cervicalgia indica un generico dolore al collo che si protrae per un periodo di tempo e che può variare da poche settimane fino ad anni. Si tratta di un disturbo muscolo-scheletrico estremamente diffuso. Il collo ha possibilità di escursione (ovvero di torsione) molto estese e rappresenta uno dei complessi articolari più delicati del corpo.

I Sintomi tipici della cervicalgia sono:

  • Dolore a collo e spalle, accompagnato anche da mal di testa
  • Intorpidimento a braccia e mani
  • Vertigini e nausea

Nella maggior parte dei casi, all’origine del dolore c’è un’alterazione che interessa le strutture meccaniche situate nella regione delle prime vertebre della colonna: si tratta dei muscoli, dei legamenti, dei dischi intervertebrali e delle articolazioni posteriori che garantiscono sia il movimento, sia il sostegno.

Alle volte, è sufficiente uno sforzo non adeguato, che può essere istantaneo e brusco o prolungato, a livello del collo, o una postura non corretta a creare una lesione di queste strutture. Uno stress meccanico esagerato e non corretto, rispetto a quello che queste strutture possono sopportare, provoca dolore.

Col passare del tempo queste microlesioni possono portare a una patologia molto comune: l’artrosi. Tale disturbo, che è legato al logoramento della cartilagine delle articolazioni e dei dischi intervertebrali, dovuto solitamente all’età, viene accelerato quando si effettuano movimenti non corretti e prolungati nel tempo.

I principali fattori della cervicalgia sono:

  • la sedentarietà
  • gli errori nella postura, ma può soffrire di tale disturbo anche chi ha praticato o pratica sport di tipo traumatico (boxe, rugby, football americano) o attività sportive di potenza con sovraccarichi (es. body building)
  • oppure, in casi estremi, il cosiddetto colpo di frusta.

Si debbono poi considerare i fattori predisponenti come: lacifosi dorsaleo l’iperlordosi lombaree altri processi degenerativi dei dischi intervertebrali, le lesioni traumatiche pregresse, l’ernia cervicale, l’artrosi cervicale, l’osteofitosi ecc.

POSSIBILI RIMEDI

La diagnosi dell’origine del disturbo viene effettuata da un fisiatra o da un ortopedico. Il fisioterapista effettuerà a sua volta una valutazione funzionale per capire quale tipo di approccio riabilitativo sia più indicato per il determinato paziente.

Se la cervicalgia è frequente, è necessario intraprendere un percorso riabilitativo per migliorare la funzionalità della zona cervicale con esercizi specifici per il collo, norme educative e comportamentali per affrontare la paura del movimento associata al dolore che spesso condiziona le attività quotidiane. Un valido aiuto viene dato dai massaggi, dalla terapia manuale e dalle terapie fisiche (TENS, tecarterapia, laserterapia, elettroanalgesia).

RICHIEDI INFORMAZIONI

Richiedi un consulto gratuito ai nostri MEDICI e FISIOTERAPISTI
al tel. 0543/781550 oppure scrivi a info@fisiomedforli.it

Back to Top